SPENDING REVIEW, FIMMG DICHIARA STATO DI AGITAZIONE CONTRO NORMA FARMACI

858

La FIMMG dichiara lo stato di agitazione della categoria contro ledisposizioni contenute nel decreto legge sulla Spending review,approvato ieri dal Senato e presto all’esame della Camera, cheobbligano i medici alla prescrizione del principio attivo deifarmaci.

“I medici di medicina generale che questo sindacatorappresenta – scrive il segretario nazionale della FIMMG,Giacomo Milillo, in una lettera inviata al presidente del Consiglioe ai ministri competenti – ritengono che tale norma comporti disagiper i medici e i cittadini, gravi rischi di compromissione dellaqualità dell’assistenza e soprattutto mantenga livellidi responsabilità in capo al medico in presenza di unadiminuzione di ruolo. La scelta del prodotto medicinale nella suapiena formulazione è trasferita dal medico al farmacista e lapossibilità di esprimere le esigenze terapeutiche specifichedell’assistito sono subordinate a incombenze burocraticheantistoriche, incoerenti con il sistema nazionale di erogazionedell’assistenza farmaceutica in Italia e con leattività di informatizzazione della prescrizione in corso direalizzazione”.

“I medici di medicina generale – dichiara Milillo – dovrannoinoltre impegnarsi a educare i cittadini all’uso del proprio dirittodi scelta in farmacia, sempre che sia loro consentito, istruendolisul rapporto rischio/beneficio dell’applicazione di tale norma che,nella sua genericità confusa e non organica con altre leggi,mina le basi del rapporto medico-paziente”.

La FIMMG dichiara perciò lo stato di agitazione e siriserva la possibilità di intraprendere azioni di lottasindacale, compreso scioperi, campagne di sensibilizzazionedell’opinione pubblica, manifestazioni e azioni legali.

La FIMMG ritiene indispensabile che l’argomento vengaapprofondito attraverso l’istituzione di un Tavolo per ilriordino complessivo della materia prescrittiva e si associa, inquesto, alla richiesta della FNOMCEO.