Verbale Commissione Fisco del 14 Settembre 2022

84

Commissione Fisco FIMMG

Verbale Commissione Fisco 

14/09/2022

La Commissione Fisco FIMMG si è riunita via WEB il giorno 14/09/2022 alle ore 16.00.

Presenti:

Dott. Rigo

Dott. Di Marcotullio

Prof. Festa

Dott. Briganti

Sono stati discussi i seguenti punti dell’Ordine del Giorno:

  1. Analisi degli aspetti innovativi in ambito tributario intervenuti negli ultimi due mesi, di interesse del Medico di Medicina Generale: il Prof. Festa ha evidenziato che nel periodo in esame gli aspetti più innovativi in ambito fiscale sono risultati relativi alla riforma della Giustizia Tributaria. Nello specifico la previsione di un concorso per Giudici Tributari aperto sia ad Avvocati che a Dottori Commercialisti.

Altro aspetto di rilievo è la definizione agevolata dei ricorsi nei vari livelli di giudizio, che prevedono però il caso specifico di soccombenza in secondo livello (commissione Regionale) o in Corte di Cassazione, e proposto dal Prof. Festa quale argomento da discutere nelle varie. In tal caso, a seconda se l’importo contestato è inferiore a 50.000€ o a 100.000€ la situazione è sanabile con importi pari rispettivamente al 5% o al 10% del preteso.

Tali situazioni risultano ascrivibili pertanto, nel caso dei MMG, o ad eventuale contestazione per mancato versamento IRAP, qualora non sia sortito efficacemente il ricorso presentato, o nel caso di effettiva evasione di imposta IRPEF.

In considerazione però dell’estrema infrequenza delle situazioni succitate e della complessità della stessa normativa relativa alla definizione agevolata, si ne ritiene non opportuna una evidenziazione ai Colleghi, pur garantendo un eventuale supporto ai Commercialisti che dovessero richiedere un parere alla Commissione. 

  1. Aspetti fiscali della gestione delle forme associative complesse introdotte dal nuovo ACN.

Su richiesta del Dott. Casaroli vengono analizzati i possibili aspetti relativi alla gestione organizzata anche in ambito fiscale delle forme associative complesse, ulteriormente indicate dal nuovo ACN. La verifica degli articoli dedicati ha consentito di rilevare che in realtà, la conferma in ACN del rapporto individuale tra MMG e Azienda in ambito di libera professione non rileva ai fini di eventuali strutturazioni amministrative di tali forme, per cui un’eventuale gestione organizzata da un punto di vista amministrativo può essere esclusivamente riservata agli aspetti di acquisizione dei fattori di produzione finalizzata ad una possibile economia di scala. Nel tal caso pertanto vengono confermati gli aspetti già ampiamente discussi e definiti relativamente alla gestione comune (forma cooperativistica in primis).

  1. Varie ed eventuali :
  • Classificazione della marca da bollo in fattura come ricavo o compenso.

Il Prof. Festa evidenzia come la recente Risposta n.428 del 2022 ha evidenziato come il riaddebito al cliente dell’imposta di bollo applicata sulle fatture di importo superiore a 77,47€ (e pertanto di possibile pertinenza per alcune certificazioni rilasciate dal MMG), essendo il professionista il soggetto passivo, faccia parte integrante del suo compenso, con la conseguenza che risulta assimilato ai ricavi di cui al comma 64 della legge n. 190/2014 e concorra al calcolo volto alla determinazione forfetaria del reddito. In particolare, l’Amministrazione ha infatti chiarito che assumono rilevanza, ai fini del calcolo dell’ammontare dei ricavi, anche le spese addebitate al cliente da parte dei professionisti per l’imposta di bollo. 

In conclusione, alla luce delle suesposte argomentazioni, l’Agenzia ritiene che l’importo del bollo addebitato in fattura al cliente assuma la natura di ricavo o compenso e concorra alla determinazione forfettaria del reddito soggetto ad imposta sostitutiva, secondo quanto disposto dall’articolo 4 della legge n. 190 del 2014.

L’analisi delle possibili situazioni effettuato dalla Commissione ha individuato nell’esclusivo caso del Medico in regime forfetario tale tipo di problema e il conseguente aggravio di spesa, in quanto, nel caso invece di regime ordinario, la deducibilità della spesa di acquisto della stessa marca da bollo viene a compensare il relativo incasso. In considerazione pertanto dell’esiguità dell’impegno economico e della attuale incidenza delle situazioni succitate non viene reputata opportuna una comunicazione in merito.

  La seduta è terminata alle ore 18.00

             Dott. Stefano Rigo

Presidente Commissione Fisco FIMMG